Alcuni accorgimenti da tenere in considerazione prima di esporsi al sole…

ImmaginePreparare la pelle prima di esporsi al sole : La pelle ha bisogno di uno scrub profondo almeno una volta al mese per rimuovere le cellule morte e liberare i pori, facendola così respirare. Usare prodotti naturali e idratare a fondo la pelle dopo il trattamento con dell’olio idratante, possibilmente senza aggiungere profumi o prodotti simili che potrebbero irritare. Aspettare quindi sempre 24 ore, prima di esporsi al sole: lo scrub è comunque un trattamento d’urto per la pelle che può apparire anche lievemente arrossata.

Esporsi con moderazione: All’inizio della vacanza l’esposizione al sole deve essere molto limitata e aumentata gradualmente nei giorni successivi (tassativo per chi ha un fototipo basso!): non esporsi direttamente ai raggi solari e anche sotto l’ombrellone applicare un protettivo in qualsiasi caso. Non sottovalutare nemmeno le giornate nuvolose poiché le radiazioni UVB, le più pericolose, filtrano ugualmente (e danneggiano) senza che la persona avverta la sensazione di calore.

Le ore migliori per prendere il sole : Le ore del giorno migliori e altamente consigliatesono quelle del mattino, fino alle 11, e del tardo pomeriggio dopo le 17: evitare quelle più calde e dirette dalle 12 alle 15.

Prendere il sole stando in movimento: Meglio prendere il sole stando in movimento: le radiazioni solari si distribuiscono omogeneamente su tutto il corpo. I primi giorni, si avrà un’abbronzatura superficiale che scomparirà velocemente, dovuta alla riserva di melanina già presente e disponibile nel corpo. Solo dopo una decina di giorni si inizia a formare un’abbronzatura solida e duratura. Non è vero che più si sta al sole e più ci si abbronzaperché la produzione di melanina è legata alla capacità di produrla del proprio corpo e non alla quantità di sole preso.

Usare il solare adatto: Scegliere un protettivo solare e il fattore di protezione in base al proprio fototipo e in base al tempo che si trascorrerà al sole, tenendo presente che altri fattori come le stagioni, il clima, e l’ambiente influiscono sull’intensità delle radiazioni solari. (Ricordare che ci si scotta non solo sulla sdraio al mare, ma anche durante una passeggiata, un’escursione in bicicletta, etc quindi, è sempre opportuno utilizzare un trattamento solare)

Rinnovare l’applicazione del solare e attenzione alle parti più delicate: Ricordare di applicare la protezione almeno mezz’ora prima di esporsi al sole e di rinnovarne ogni 2 ore l’applicazione (per la sudorazione, lo sfregamento, etc). Cospargere il corpo senza parsimoniare sulla quantità, utilizzando fattori di protezione elevati nei punti più delicati: naso, labbra, lobi e bordo delle orecchie, collo, incavo del ginocchio, dorso dei piedi. Agitare bene il flacone prima dell’uso per mescolare bene insieme le due fasi dell’emulsione.

Applicare il prodotto solare anche quando la pelle è già abbronzata, eventualmente riducendo il fattore di protezione. Anche coloro che hanno pelli con fototipo scuro, hanno bisogno di protezione poiché gli effetti sulla pelle, come l’invecchiamento, li subiscono ugualmente.

Fonte: vivodibenessere.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...